Amare i cuori di Gesù e Maria

L’amore è l’essenza di Dio stesso che per sua natura è infinito, tant’è che ci ama all’infinito, e la sua più grande prova è che “Il verbo si è fatto carne e ha vissuto in mezzo a noi”

E non solo, ma ha sofferto e sofferto per noi fino alla morte e alla morte sulla croce.

La rappresentazione dell’amore è il cuore e parlare del Sacro Cuore di Gesù è parlare dell’Infinito Amore che ci ha e di quanto soffre il nostro disprezzo.

Amare i cuori di Gesù e Maria

Questo Sacro Cuore che trabocca di amore per noi ha due aspetti, l’infinita grazia su di noi per la nostra salvezza che può anche essere vista rappresentata nella Divina Misericordia, come nel sollievo che dobbiamo dare alle innumerevoli offese nei suoi confronti da parte dell’umanità totale.

Per quanto riguarda il Cuore Immacolato di Maria, rappresenta anche l’amore della madre che ha e soffre per ciascuno dei suoi figli che sono persi e vuole che tutti siano salvati.

Ma soffre anche delle innumerevoli offese che le persone le generano, perché come dicono gli esorcisti come padre Fortea, è la creatura che odia di più il diavolo e quindi quella che i suoi figli attaccano di più.

Ma c’è qualcos’altro nel cuore di Maria ed è che batte all’unisono con il cuore di suo Figlio, Gesù, perché i suoi desideri sono gli stessi e quindi cerca di portare la maggior parte delle persone al Sacro Cuore di suo figlio.

E a sua volta suo figlio usa sua Madre e le affida questo stesso compito, quindi intreccia una rete di amore e salvezza in modo tale che se non è per uno sarà per l’altro ma il percorso di entrambi finisce nello stesso posto .

Questa immagine dei due cuori uniti dovrebbe essere tre, con la nostra poiché alla fine il nostro destino è quello di Maria, da battere all’unisono con il cuore di Gesù e questo è qualcosa che dobbiamo iniziare a fare proprio qui e ora nella nostra vita.

Amare i cuori di Gesù e Maria

Come possiamo fare questo, perché con due cose, la prima che porta anime a Gesù e Maria, anche chiedendo maggiori opportunità e grazie per la loro conversione, la seconda è riparare e confortare i cuori di Gesù e Maria.

Per questo, oltre a lavorare per condurre una vita esemplare, possiamo pregare e fare sacrifici, sia per la conversione che per la riparazione, sia nostri che di altri.

Promesse del Sacro Cuore di Gesù
La grande promessa del Cuore Immacolato di Maria
Eucaristia
Comunione il primo venerdì
Il rosario
La Coroncina delle virtù – Medjugorje –
I primi 5 sabati
The 5 Stones – Medjugorje –
Atti di consacrazione e riparazione
novene
litanie
Preghiere e pratiche
Miracoli eucaristici

Scarica l’applicazione Amare i cuori di Gesù e Maria da Google Play per avere queste preghiere o pregare sul tuo cellulare o cellulare senza dover essere connesso a Internet o portare un libro con il vantaggio che ti avvisa con allarme in giorni speciali come le vacanze , inizio del nono o primo venerdì o sabato del mese.

Puoi anche entrare nello STORE

Promesse del Sacro Cuore di Gesù

Principali promesse fatte dal Sacro Cuore di Gesù a S. Margherita Maria Alacoque:

  1.     Alle anime consacrate al mio Cuore, renderò i ringraziamenti necessari per il loro stato.
  2.     Darò pace alle famiglie.
  3.     Li consolerò in tutte le loro afflizioni.
  4.     Sarò il suo rifugio e rifugio sicuro durante la vita, e soprattutto al momento della morte
  5.     Verserò abbondanti benedizioni alle tue compagnie
  6.     I peccatori troveranno nel mio Cuore la fonte e l’infinito oceano di misericordia
  7.     Le anime tiepide diventeranno ferventi
  8.     Le anime ferventi raggiungeranno rapidamente la perfezione
  9.     Benedirò le case in cui l’immagine del mio Sacro Cuore è esposta e onorata.
  10.     Darò ai sacerdoti la grazia di muovere i cuori induriti
  11.     Le persone che diffonderanno questa devozione avranno il loro nome scritto sul mio Cuore e non ne saranno mai cancellate.
  12.     A tutti coloro che ricevono la Santa Comunione nei primi nove venerdì del mese, l’amore onnipotente del mio Cuore garantirà la grazia della perseveranza finale.

La grande promessa del Cuore Immacolato di Maria

A tutti coloro che per cinque mesi, il primo sabato, confessano, ricevono la Santa Comunione, pregano cinque dozzine del Rosario e mi danno quindici minuti di compagnia meditando sui quindici misteri del Rosario, per fare ammenda, prometto di aiutarli nell’ora della morte con tutte le grazie necessarie per la sua salvezza.

Eucaristia

L’Eucaristia è il centro, poiché è lo stesso Cristo, non c’è modo terreno di essere più vicini a Lui se non attraverso di esso. E non è forse il più grande desiderio del Sacro Cuore avere tutti noi dentro di Lui. E non è forse il desiderio di coloro che amano Cristo di averlo con noi.

È lo stesso Amore che ha voluto rimanere con noi in modo che quando lo consumiamo, abbiamo Lui stesso e Lui stesso ha noi. Perché:

“Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue dimora in me e io in lui.” (Juan, 6,56)

Ecco perché non c’è devozione al Sacro Cuore di Gesù senza che l’Eucaristia sia il centro e per la stessa ragione non c’è devozione al Cuore Immacolato di Maria senza Eucaristia perché il Cuore della Madre conduce al Cuore del Figlio.

Dobbiamo goderci quei brevi momenti in cui tutti i cuori si fondono in uno e l’amore scorre tra tutti, una figura di felicità nell’eternità che brama i nostri cuori danneggiati dal peccato.

E se l’Eucaristia è il centro, il posto migliore per riceverlo è all’interno della Messa in cui, oltre a nutrirci con il suo corpo, lo facciamo con la sua parola e dove rendiamo presente il suo sacrificio supremo e tutte le grazie e benedizioni ci vengono riversate, a tutto il mondo e al purgatorio.

Contemplatelo, adoratelo e mangiatelo, perché non c’è un nuovo messaggio ma è lo stesso che è sempre stato ripetuto in mille modi diversi nel corso degli anni per vedere se ci rendiamo conto di quanto Dio ci ama e di quanto ne abbiamo bisogno.

Comunione il primo venerdì

“Ti prometto, nell’eccessiva misericordia del mio Cuore, che il suo amore onnipotente concederà a tutti coloro che ricevono la Comunione nove primi venerdì del mese consecutivo la grazia della penitenza finale: non moriranno in disgrazia su di me, né senza ricevere i loro Sacramenti, e il mio cuore divino sarà il tuo rifugio in quell’ultimo momento. “

Questo è ciò che il Sacro Cuore di Gesù ha detto a S. Margherita Maria Alacoque.

Quindi consiste nel ricevere la Santa Comunione il primo venerdì di ogni mese per nove mesi consecutivi. Sforzati di non interromperli. Se per qualsiasi motivo hai smesso di comunicare un solo primo venerdì, devi ricominciare.

Se uno comunicasse nel peccato mortale il primo venerdì, farebbe del male al sacro Cuore di Gesù, commetterebbe un grave sacrilegio e non otterrebbe la grazia promessa da Dio, dovendo ricominciare la serie dei primi nove venerdì.

Condizioni per guadagnare questa grazia:

  •     Ricevi la Santa Comunione durante i primi nove venerdì del mese consecutivamente e senza alcuna interruzione (ovviamente, senza essere in peccato mortale, ad esempio, per la Messa domenicale mancante). Si suggerisce la confessione con l’intenzione di porre rimedio alle offese al Sacro Cuore.
  •     Avere l’intenzione di onorare il Sacro Cuore di Gesù e di raggiungere la perseveranza finale.
  •     Offri ogni Santa Comunione come atto di espiazione per le offese commesse contro il Santissimo Sacramento.

I primi 5 sabati

La Vergine di Fatima e poi anche Gesù chiese a Suor Lucia di svolgere e diffondere la devozione dei primi cinque sabati del mese in onore del Cuore Immacolato di Maria.

Questa devozione consiste nel fatto che ogni primo sabato del mese, per cinque mesi consecutivi, vengono compiuti vari atti di pietà con l’intenzione di riparare i peccati contro il Cuore Immacolato di Maria.

Come praticare la devozione?

Gli atti di pietà ogni primo sabato del mese sono: confessare (preferibilmente lo stesso giorno o qualche giorno prima), ricevere la Comunione, pregare l’intero Rosario e far compagnia a Maria per almeno quindici minuti, meditando sui misteri del Rosario.

Cosa ottiene chi pratica questa devozione?

La Vergine Maria promette a suo figlio “di aiutarlo nell’ora della sua morte con le grazie necessarie affinché possa essere salvato”, cioè per avere la possibilità di non morire nel peccato mortale. Questa devozione non è un “passaggio libero” per liberare coloro che muoiono senza pentimento dall’inferno.

Perché sabato?

San Tommaso d’Aquino disse che il sabato successivo al Venerdì Santo, l’unica rimasta ferma nella sua fede era Maria, ed è per questo che la Chiesa, per onorarla, le dedica quel giorno.

Perché cinque sabato?

Gesù apparve a Suor Lucia nella notte del 29-30 maggio 1930 e spiegò che “ci sono cinque tipi di offese e bestemmie pronunciate contro il Cuore Immacolato di Maria”.

Il primo è contro la sua Immacolata Concezione; secondo, contro la sua perpetua verginità; terzo contro la sua divina maternità, rifiutando di riceverla come Madre dell’umanità; quarto, coloro che cercano di infondere nei cuori dei bambini l’indifferenza, il disprezzo e persino l’odio verso la Madre Immacolata; e infine, coloro che la insultano direttamente nelle loro immagini sacre.

The 5 Stones – Medjugorje –

Quando David lasciò la sua tenda per affrontare il temibile gigante Golia, prese cinque pietre da terra, l’unica munizione per la sua fionda. Nonostante le sue dimensioni sproporzionate rispetto al suo rivale e l’apparente precarietà delle sue armi, Dio intervenne in modo tale che il giovane, che aveva fiducia in Lui, ottenne una vittoria che continua ancora a stupirci ancora oggi. In questi tempi attuali, il nostro Golia è il demone che cerca sempre di distruggerci. Maria, la nostra migliore alleata, nella sua saggezza e intelligenza, ci fornisce la soluzione più efficace e sicura per emergere vittoriosi: le cinque pietre Le 5 pietre che ci fornisce la regina della pace sono: Preghiera con il cuore, digiuno, La confessione, l’Eucaristia e la lettura della Bibbia, sono i punti che Maria ci offre per percorrere un cammino di santità, di pace, di trasformazione interiore totalmente assicurato, un percorso semplice, accessibile a tutti ”.

  •     LA PREGHIERA “figli, pregate, la preghiera è il fondamento della vostra pace” Se non hanno la pace nei loro cuori, nient’altro importa. Potrebbero perdere la pace per un momento come dice San Serafino di Sarov, ma immediatamente pregando, affondando nella preghiera troveranno di nuovo la pace. “Se vivi nell’angoscia, con lo stress, non preghi ancora con il cuore.” Non capiremo mai questa parola “con il cuore”, non si tratta di adempiere, ascoltare la Messa, pregare il rosario rapidamente, non si tratta di questo. “Dedica tempo a Dio” Dio non verrà mai da noi pregando in questo modo, affinché Dio stabilisca la sua dimora in noi, per l’unzione dello Spirito Santo e il suo respiro per farci visita, dobbiamo prendere tempo.
  •     FASTING Devi perseverare nella preghiera e nel digiuno. Il digiuno su pane e acqua il mercoledì e il venerdì. Puoi iniziare astenendoti dai pasti o dalla colazione, vedrai il modo in cui ognuno può iniziare a poco a poco a fare il digiuno, Maria disse: “La Chiesa cattolica ha dimenticato il digiuno. Pregando e digiunando i bambini piccoli, puoi ottenere qualsiasi cosa ”. Vuoi la conversione di qualcuno delle tue famiglie? Prega di digiunare e vedrai il cambiamento.
  •     LEGGERE LA BIBBIA Vicka chiese alla Vergine: perché piangi? “Perché i cristiani hanno smesso di leggere la Parola di Dio”. La Vergine chiede di leggere la Bibbia ogni giorno, anche se iniziamo con 10 minuti. La Vergine dice: “Metti la Bibbia al centro delle tue case, in modo da ricordarti di leggerla ogni giorno con la tua famiglia”. Cose molto semplici, ovviamente. Un cuore che non riceve il Pane della Parola ogni giorno, muore. Vivere il Vangelo, non vivere nell’ignoranza a causa di molti mali.
  •     LA CONFESSIONE “Figli, se non confessate mensilmente, sarà molto difficile per voi convertirvi”. La confessione, ma la vera confessione, non come l’80% dei casi in cui mi avvicino al sacerdote e dico questo, questo e quello e “pulisco” me stesso, mi tolgo i vestiti sporchi, li metto in lavatrice, premo il pulsante e pronto. Questo non è confessante. La confessione ha bisogno di pentimento, per esempio: domenica ho perso la Messa, ma questo non è un peccato, il peccato è che non ami Dio e non hai nemmeno pentimento per non andare a Messa, non c’è pentimento perché non c’è amore, quindi, non c’è nemmeno confessione. Sono i nostri peccati che hanno inchiodato Cristo sulla croce, non è uno scherzo, come ha detto Gesù a Santa Caterina: non è da ridere che io sia morto sulla croce per te! La confessione è scoprire i miei peccati e correggermi, non solo confessarmi di confessare, avere un mese o quindici giorni per peccare di nuovo e continuare lo stesso alla fine che comunque confesserò il mese successivo.
  •     L’EUCARISTA Insisto ancora sulla stessa cosa, ricevendo l’Eucaristia con il cuore, è terribile vedere oggi quanti vivono la Messa. La Vergine dice: “Se non ti prepari a vivere la Messa con il cuore aperto, è meglio che resti a casa”. Alla Messa devi essere puntuale, prepararti, prepararti per la preghiera con 10 minuti di anticipo, non essere in ritardo, correre. “In nessun altro luogo mio figlio riversa tante grazie come nell’Eucaristia, ricevere la Comunione è più che essere un veggente”, dice la Vergine. L’Eucaristia dovrebbe essere il centro della nostra vita e loro sanno cosa dice la Vergine: “Bambini, partecipate alla messa ogni volta che le circostanze lo consentono”. L’Eucaristia è il luogo in cui Dio ci trasforma. Tutti i Sacramenti, tutta la devozione, tutta la vita spirituale mi porta all’Eucaristia. È incredibile, ma se lo riceviamo, sappiamo che l’Eucaristia lavora in noi secondo la nostra fede e il nostro desiderio di Dio. Se lo ricevo in modo distratto, parlando con il mio vicino, non avrà alcun effetto su di me, Gesù ha bisogno del mio permesso per agire, mi rispetta.

Baixe o aplicativo Amando os corações de Jesus e Maria do Google Play para receber essas orações ou orar no seu celular ou telefone celular sem precisar estar conectado à Internet ou carregar um livro com a vantagem de alertá-lo com alarme em dias especiais como feriados , início da nona ou primeira sexta-feira ou sábado do mês.

De volta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *