Miracoli eucaristici

Sebbene molte persone pensino che i miracoli siano cose rare e molto rare ai nostri tempi e piuttosto sono cose dei primi tempi della chiesa lì con i primi apostoli, in verità sono qualcosa di molto frequente, e nel caso dell’Eucaristia di da al contrario, essendo scarso nei primi giorni e abbastanza frequente in quest’ultimo, come se l’amore di Dio ci affrettasse a convincerci che è reale e della grandezza del suo amore. Il primo miracolo eucaristico di cui esiste una testimonianza è quello di Lanciano nell’VIII secolo, quello successivo di Bolsena nel 13 ° secolo, ovvero, trascorsi circa 500 anni, da qui gli anni si ridurranno, diventando più frequenti, fino a quando non raggiungiamo il nostro tempo in cui, ad esempio, nella Cattedrale di Buenos Aires ce n’erano tre in un periodo di meno di 10 anni negli anni ’90, e si ripetono quasi altrettanto frequentemente in diverse parti del mondo. Sembra che Dio voglia dirci qualcosa e poiché non lo ascoltiamo, ci parla più spesso.

Vi mostrerò solo tre, i primi due e quello a Buenos Aires in cui è intervenuto il nostro Papa Francisco quando vi era Cardinale.

Il miracolo di Lanciano

Il miracolo di Lanciano

Nell’VIII secolo, un monaco dell’Ordine di San Basilio. A Lanciano, in Italia, nutriva dubbi sulla reale presenza di Gesù nell’Eucaristia. Nel mezzo di una Messa, mentre pronunciava le parole di consacrazione, vide come il pane si trasformò in carne umana e il sangue si coagulò in cinque grumi. Puoi visitare la carne e il sangue miracolosi nella chiesa di San Francisco de Lanciano, in Italia.

Fu sottoposto all’analisi scientifica del dott. Odoardo Linoli, capo servizio degli ospedali riuniti di Arezzo e professore di anatomia e storia patologica, chimica e microscopia clinica; e il dottor Ruggero Bertelli, professore emerito di anatomia umana all’Università di Siena.

I risultati del suo rapporto, datato 4 marzo 1971, sono i seguenti:

  • La carne è vera carne.
  • Il sangue è vero sangue.
  • La carne appartiene al tessuto muscolare del cuore (miocardio, endocardio e nervo vago).
  • Carne e sangue sono dello stesso tipo AB e appartengono alla specie umana. È lo stesso tipo di sangue trovato nella Sindone di Torino.
  • Questa è la carne e il sangue di una persona vivente, poiché il sangue è lo stesso che avrebbe potuto essere prelevato quel giorno da un essere vivente.
  • Nel sangue, oltre alle normali proteine, sono stati trovati i seguenti minerali: clorati, fosforo, magnesio, potassio, sodio e calcio.
  • La conservazione di carne e sangue, lasciati allo stato naturale per 12 secoli ed esposti all’azione degli agenti atmosferici e biologici, rimane un fenomeno straordinario.

Gli scienziati hanno detto ai monaci: “È la Parola fatta carne”.

Il miracolo di Bolsena

Il miracolo di Bolsena

Gesù aveva chiesto alla Beata Juliana de Cornillon (1258) di introdurre la festa del “Corpus Domini” nel calendario liturgico della Chiesa. Il sacerdote Pietro di Praga, di Boemia, celebrò una messa nella cripta di Santa Cristina, a Bolsena, e poi avvenne il miracolo: gocce di sangue caddero sul corpo dall’ospite consacrato … Papa Urbano IV (1262-1264) risiedette a Orvieto e ordinò al vescovo Santiago di portare le reliquie di Bolsena a Orvieto. Il Papa emise il Bull Transiturus del mondo l’11 agosto 1264, dove prescrisse che il giovedì dopo l’ottava di Pentecoste, la festa fosse celebrata in onore del Corpo del Signore. San Tommaso d’Aquino è stato incaricato dal papa di comporre l’Ufficio della celebrazione. Nel 1290 fu costruito il Duomo di Orvieto, detto “giglio delle cattedrali”.

Attualmente questo corpo è esposto nel Duomo di Orvieto.

Il miracolo eucaristico a cui Papa Francesco ha assistito

Il miracolo di Buenos Aires

Uno dei più recenti miracoli eucaristici è rappresentato dal Papa. Nel 1996, papa Francisco, allora arcivescovo di Buenos Aires, fu testimone diretto del miracolo eucaristico che ebbe luogo in una chiesa nella capitale di Buenos Aires. Qualcuno aveva abbandonato un Ospite consacrato, lasciandolo in un lampadario.

Il sacerdote, invece di consumarlo, decise di metterlo in un contenitore con acqua nel tabernacolo della cappella del Santissimo Sacramento, in attesa che si dissolvesse.

Ma pochi giorni dopo, l’Host si era trasformato in una sostanza insanguinata.

Per questo motivo, il cardinale Bergoglio ha commissionato un’analisi scientifica al dott. Ricardo Castañon Gómez, che ha consultato diversi esperti internazionali di specialisti in medicina legale nei settori del sangue e dei tessuti.

Esaminato scientificamente, si è rivelato essere un campione di un cuore umano vivente, sottoposto a forte stress (traumatizzato o battuto), che era scientificamente impossibile tenere in acqua mantenendo in vita le sue cellule. Il laboratorio ha inoltre riferito che il campione di tessuto sembrava essere ancora vivo mentre le cellule si muovevano o pulsavano come farebbero in un cuore umano vivente.

Il cardiologo forense che la analizzò disse:

“Il materiale analizzato è un frammento del muscolo cardiaco che si trova nella parete del ventricolo sinistro, vicino alle valvole. Questo muscolo è responsabile della contrazione del cuore. Tieni presente che il ventricolo sinistro del cuore pompa il sangue in tutte le parti del corpo. Il muscolo cardiaco è in una condizione infiammatoria e contiene un gran numero di globuli bianchi. Ciò indica che il cuore era vivo al momento del prelievo del campione.

La mia tesi è che il cuore era vivo, poiché i globuli bianchi muoiono al di fuori di un organismo vivente. Richiede un organismo vivente per mantenerlo. Pertanto, la sua presenza indica che il cuore era vivo quando è stato prelevato il campione. Inoltre, questi globuli bianchi erano penetrati nel tessuto. Il che indica inoltre che il cuore era stato gravemente stressato, come se il proprietario fosse stato gravemente picchiato al petto.

Gli scienziati che hanno fatto lo studio non sapevano che era un host

Sono stati informati dopo le prove e sono rimasti sorpresi. Dimostrarono che l’ostia era diventata una parte del ventricolo sinistro del muscolo cardiaco, di una persona di circa 30 anni, il cui sangue proveniva dal gruppo AB e che aveva sofferto molto quando moriva, sicuramente maltrattato e picchiato.

Concludono che le caratteristiche del sangue del miracolo di Buenos Aires coincidono con quelle del sangue della Sindone di Torino, della Sindone di Oviedo e dell’ostia sanguinante del miracolo di Lanciano (Italia). Inoltre, concordano nel dichiarare che:

  • i campioni corrispondono alla stessa persona,
  • che è nato e vissuto in Medio Oriente,
  • che la carne è attualmente un tessuto vivo nonostante gli anni.

Scarica l’applicazione Amare i cuori di Gesù e Maria che ti aiuteranno ad essere più uniti al Sacro Cuore di Gesù e al Cuore Immacolato di Maria.

Indietro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *